lunedì, Agosto 15, 2022
HomeLivingDivaniDivano Chesterfield, come orientarsi in fase di scelta

Divano Chesterfield, come orientarsi in fase di scelta
D




Nel mondo dell’arredamento ci sono dei pezzi di design che sono in grado ancora oggi di rappresentare un vero e proprio punto di riferimento. Il fascino rispetto a queste icone che non risentono dello scorrere del tempo è unico. Tra questi elementi d’arredo troviamo, senza ombra di dubbio, anche il divano Chesterfield.

Si tratta di un divano che è stato realizzato per la prima volta in terra inglese, in un’epoca sostanzialmente compresa tra il Settecento e l’Ottocento. Questa particolare tipologia di divano è stata realizzata dietro l’intuizione del quarto conte di Chesterfield ed è ovviamente a quest’ultimo che si deve tale denominazione.

Tra le peculiarità di queste poltrone Chesterfield che spiccano maggiormente troviamo proprio il fatto di derivare da un sistema di lavorazione del tutto specifico, che è stata ribattezzata capitonné. Quindi, per chi non lo avesse capito, stiamo facendo riferimento a dei divani che vengono creati in pelle, impuntati con dei piccoli bottoncini. Fin dal primo momento che è stato lanciato sul mercato, questo divano ha avuto un successo veramente impressionante, al punto tale che poi sono stati prodotti anche dei pouf e delle poltrone.

 

Le principali caratteristiche dei divani Chesterfield

Si tratta di un pezzo che non ha eguali sia dal punto di vista dell’eleganza che in termini di pregio. Proprio per questo motivo, è facile notare questi divani inseriti all’interno di ambienti come gli uffici oppure in tanti altri contesti lavorativi. Insomma, non è difficile ricondurre questi divani alla categoria di mobili di elevato prestigio, dal momento che vengono realizzati dietro apposita lavorazione in via artigianale, sfruttando per l’appunto il sistema capitonné. Viene impiegata, nella maggior parte dei casi, la pelle bovina, che è in grado di garantire un ottimo mix tra la robustezza e la morbidezza.

 

Come si può individuare un divano Chesterfield

Nel caso in cui abbiate intenzione di inserire nel vostro arredamento casalingo un divano del genere, che non presenta particolari necessità dal punto di vista della manutenzione, si tratta senza ombra di dubbio della soluzione più adatta per tale esigenza. Nel caso in cui il divano Chesterfield su cui avete messo gli occhi sia stato realizzato rispettando tutti gli standard, ecco che potrebbero volerci anche diversi decenni prima che la pelle si rovini. Nel caso in cui abbiate degli animali in casa, come ad esempio dei gatti oppure dei cani, il divano Chesterfield va sempre benissimo, visto che è facilissimo da pulire e anche da mantenere in ordine.

Ci sono alcuni aspetti che si possono sfruttare per individuare un modello Chesterfield originale. Diamo uno sguardo a quelle caratteristiche che possono tornare utili per il riconoscimento. Si tratta, ad esempio, della seduta bassa, delle gambe realizzate sempre in legno massello, del rivestimento creato in cuoio di vacchetta, ma anche dei chiodi di fissaggio che vengono applicati sulle bordure, senza dimenticare i bottoni fissati sullo schienale per il fissaggio interno della pelle.

Proprio per via del fatto che si tratta di un elemento d’arredo di una certa eleganza e di carattere, deve essere anche inserito negli ambienti in modo corretto. Non è un caso, di conseguenza, che venga sfruttato spesso e volentieri negli studi legali, così come negli uffici in cui c’è bisogno di una certa formalità. Non solo in realtà, dato che visto che si può considerare un divano di vero design, si può collocare in ogni tipo di salotto.

Ad esempio, si può pensare di combinare alla perfezione un divano Chesterfield con un altro che presenta uno stile tipicamente industrial. Materiali come il ferro, piuttosto che il cuoio e il legno riescono a combinarsi alla perfezione e senza che si creino delle associazioni errate.




- Pubblicità -

Leggi anche