Hug, l’abbraccio di cui tanto sentiamo il bisogno

Ora che più che mai sentiamo il bisogno di vicinanza, il nome di questa seduta, disegnata da  TA Design Studio e presentata da Zilio A&C lo scorso anno al Salone del Mobile, si fa profetico e ci invita a cogliere ancor meglio il suo significato di “abbraccio” e l’acromino di Human, Universal and Genuine da cui deriva.

Chung-Yen Chang e Tian Jin, originari di Taiwan e Beijing e ora entrambi di base a Milano, sono la coppia di designer che ha sapientemente interpretato la ricerca sull’espressività del legno nella produzione delle sedie, quale mission dell’identità di Zilio A&C.

Hug è la sintesi estetica di due classici: la sedia cinese di stile Ming e la poltroncina Thonet Vienna n.811. Apparentemente semplice e familiare, Hug rivela un carattere raffinato nella definizione delle proporzioni, nell’uso dei materiali e nella cura costruttiva. I suoi ideatori amano definire la doppia anima di Hug simile al «dolce retrogusto di una tazza di te verde».

Una proposta che dichiara calore e accoglienza sia nella flessuosità delle parti in legno di frassino, che nella morbidezza della seduta imbottita, disponibili in diversi colori.